Vai al contenuto

Famiglie con agevolazioni garantite per la propria casa fino al 2024

Fino alla fine del 2024, sono confermate e possono essere considerate sicure fino alla fine di quest'anno, indipendentemente da eventuali modifiche che potrebbero essere introdotte con la prossima legge finanziaria, tutte le agevolazioni destinate alle famiglie. In particolare, è garantito il bonus ristrutturazioni del 50%, pensato per facilitare interventi che vanno dalla manutenzione straordinaria alla ristrutturazione degli immobili, con una spesa massima agevolabile di 96.000 euro per ciascuna abitazione.

Nel corso del 2023, è ancora possibile beneficiare dell'ecobonus. Questo incentivo copre diversi interventi, come la sostituzione della caldaia e degli infissi/serramenti, offrendo detrazioni differenziate e aliquote che variano generalmente dal 50% al 65%. Tuttavia, è necessario rispettare tutti i requisiti di legge e adempiere agli obblighi previsti.

Anche il sismabonus, il bonus mobili e il bonus verde sono stati prorogati a favore delle famiglie, ma alcune modifiche sono state apportate ai massimali di spesa. Ad esempio, il bonus mobili è stato ridotto a 8.000 euro nel 2023 (rispetto ai 10.000 euro del 2022) e scenderà ulteriormente a 5.000 euro nel 2024, come stabilito dall'articolo 16, comma 2, del Dl 63/2013.

L'ampia promozione degli incentivi nel settore edilizio, che ha avuto inizio nel 2020 e prosegue ancora oggi, è stata resa possibile principalmente grazie alle opzioni di cessione del credito e sconto in fattura. Tuttavia, tali opzioni sono state interrotte a partire dal 17 febbraio 2023 con il decreto "Blocca cessioni" (Dl 11/2023), seppur con alcune eccezioni per lavori già in corso. Tuttavia, la legge 38/2023, che converte il DL 11/2023, ha previsto nuove esclusioni dal divieto di cessione dei crediti, che si applicano ai nuovi progetti, tra cui il bonus barriere del 75%. Questo significa che le famiglie potranno ancora beneficiare di agevolazioni importanti per migliorare le proprie abitazioni.